Preservativo: sempre, a volte, mai.

Per alcuni uomini, usarlo significa prendersi cura del partner. Sembra agli altri che il preservativo crea alienazione in coppia e rovini il piacere. Da dove viene una tale differenza nelle opinioni?

L’uso di un preservativo, come il comportamento sessuale in generale, è una domanda completamente individuale. Sembra che la situazione sia semplice: se i partner sono collegati da relazioni di fiducia, il “momento del preservativo” e la conversazione su questo, di norma, non è difficile.

E quando si conoscono non troppo bene, un preservativo è il modo più sicuro e ovvio per proteggere dalle infezioni e una gravidanza indesiderata. Ma le caratteristiche psicologiche individuali degli uomini creano per alcune di esse ovvie difficoltà in questa materia. Qualcuno non accetta il pensiero stesso della “banda elastica”, l’altra altrettanto decisamente non vuole abbandonarla. E spesso la fonte di tale categoricità non è nella sfera sessuale. “Quindi, l’intimità dopo una lunga relazione amichevole o romantica può rivelarsi. stress per entrambi “, afferma lo psicoterapeuta familiare Inna Khamitova. – Avendo perso l’erezione al momento della messa sul preservativo, l’uomo in futuro, molto probabilmente, lo eviterà per la paura di sentire di nuovo il suo fallimento. Ma la vera ragione del fallimento non è affatto in un preservativo

, ma nelle caratteristiche psicologiche – ansia, immaginaria, autoprodotta, più precisamente – nella propria potenza. L’ansia associata a un preservativo peggiora solo la situazione.

Gli uomini di età superiore ai 50 anni, a causa di ragioni fisiologiche oggettive, hanno più difficoltà: non possono essere sicuri nella loro erezione di 30 anni. Ma la principale difficoltà per tutti è in colpa per l’incapacità di mantenerlo per molto tempo. Bravada (“Sono un vero uomo e la contraccezione non è la mia preoccupazione!”) – Il retro dell’incertezza.

Per coloro che sono propenso ad esso, è importante dichiarare il loro significato, enfatizzare le qualità maschili. Il rifiuto del preservativo sembra un tentativo di convincere se stessi e gli altri che il “vero macho” non deve essere difeso. Molti, sperimentando una mancanza di sensazioni acute nella vita di tutti i giorni, hanno la brama di “estremo”, che si manifesta nel comportamento sessuale. “Questo può essere espresso in negligenza di salute, propria e partner”, afferma Inna Hamitova. – Il rischio di infezione dà sensazioni una maggiore acutezza e l’assenza di un preservativo funge da ulteriore stimolazione.

Un altro estremo è il desiderio di usare un preservativo anche nelle relazioni più affidabili e a lungo termine. Gli uomini che sono inclini a questo spesso non si fidano della loro metà (e anche per se stessi) e si sforzano inconsciamente di mantenere la situazione sotto il pieno controllo “. A volte un partner sta cercando di guidare il “lato maschile” del sesso, prendere l’iniziativa e aiutare l’uomo a far fronte al compito. Ma qui abbiamo bisogno di delicatezza: se il partner è abituato al ruolo di un leader, il risultato potrebbe essere negativo.

Alcune donne sottovalutano la complessità della natura sessuale maschile, considerando la capacità di erigere un fenomeno quasi meccanico. Un preservativo può aiutarli a capire che non è così. La sua “maschera trasparente” ti consente di riconoscere i problemi personali di un uomo. Per essere sicuri di ciò, è sufficiente leggere le storie sincere che abbiamo ascoltato e registrato per te.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scroll to Top